venerdì 25 febbraio 2011

Everybody like surfing...surfing U.S.A.......by Albert









Impatto devastante tra culture ed emozioni che si mischiano col passare delle ore...in quattro giorni sono passato dal mio mondo australiano al cibo ed all'accoglienza malese, sfiorando poi i ritmi cinesi ed approdando finalmente in Los Angeles dove tutto quel che pensavi dovesse andare per un verso, va poi per un altro....e tu lo accetti senza opporti xchè tanto sai che niente accade per caso. Ho un'energia incredibile addosso, forse la nuova avventura americana mi tiene sveglio dal fuso orario o magari solo l'emozione di reincontrare mio padre dopo due anni mi fa sentire vivo. Volevo andare in un piccolo bed&breakfast di Hollywood ma un paio di simpatiche conoscenze fatte alla stqazione degli autobus mentre cercavo di capire come muovermi, mi hanno letteralmente trascinato a Santa Monica. Si era ormai fatto tardi ed avevo un bel feeling quindi ho preso l'unco autobus che è passato e tutti in ostello...ebbene si...chi mi conosce bene sa che mi farei tagliare una mano piuttosto che andare in ostello a dormire...ma questa volta ho proprio dovuto. Perlomeno sono capitato bene, devo ammetterlo, ho dovuto ricredermi...super grande....due sale cinema...palestra..piscina...pulito e colorato...ma cosa più fica...in super centro al quartiere e a due passi dal mare...bello come il sole al mattino mi alzo e mi offrono pure la colazione con tanto di buffet...una volta finito...prendo tutti i miei piattini e tazze e le metto davanti al bancone del bar dove c'era un messicano che sistemava e asciugava le stoviglie...questo mi guarda con la faccia di chi ti odia proprio e con il baffo alla Davide periodo di farm in Mooloolaba...."hey gringo...prendi sta merda e valla a lavare in cucina!!!" Cazzo mi ero quasi dimenticato che in ostello ci si deve far tutto da soli...non ho mica i miei amici lavatori....questo è stato un pò il mio buongiorno. Ho tutta la giornata prima che arrivi il papino quindi...zaino in spalla e lungo mare...nenache faccio trecento metri che la bella spiaggia che corre lingo il litorale....si popla di testine nere che scivolano su ondine di un metro fatte col pennello....come dice il buon vecchio saggio, i segnali nn vanno mai ignorati, e quindi...noleggia la tavola...infila la muta e goditi la prima surfata americana....ghiaccio puro mate!!!!! Dopo un'ora e mezza la morte per ipotermia mi surfava a finaco...sono uscito che ero blu...ma il sole era caldo e la gioia di esser ritornato in acqua era troppa. Qui sembra abbia piovuto nei giorni scorsi e la temperatura nn arriva a 10 gradi di sera, ma di girono si sfiorano i venti quindi nn ci lamentiamo...anche se un pochino la mia Perth mi manca....ok l'ho detto...ma sarà la prima e l'ultima volta promesso. La sensazione di essere da solo dpo tanto tempo di convivenza con altri viaggiatori è incredibile, da una parte ti mancano tutti i dialoghi e le alchimie, dall'altra sei più propenso a fare nuove conoscenze e tranquillo nel fare solamente ciò che hai voglia di fare senza dover mai render conto a nessuno. Io preferisco viaggiare con qualcuno, lo considero un'esperienza da dividere con chi la sa apprezzare e vivere come un dono....ma tutti dovrebbero provare e testare le proprie esgenze in un viaggetto in solitaria...la cosa può risultare anche piuttosto simpatica, ed a volte ci si ritrova a ridere di se stessi come se si stesse prendendo in giro qualcun'altro. Dopo esserm mangiato un delizioso piattino messicano a Venice beach ed aver incontrato un paio di star del cinema di cui nn conosco i nomi ma solo le facce...mi dirigo all'aeroporto sperando di riuscire a recuperare il ragazzo di tribano. Immagino come potrà essere viaggiare insieme...ma nn riesco a produrre fotogrammi...assaporp solamente il feeling di poterlo riabbracciare e spero che a riconoscermi...